Dia Bologna

Sequestrati beni a Saverio Giampà

L'uomo di origini catanzaresi e con diversi precedenti per estorsione e droga, si era trasferito dalla Calabria in Toscana nel 1999. Da anni viveva invece a Bologna

Sequestrati beni a Saverio Giampà

Rapporti finanziari, immobili, società e automezzi per un valore di circa 600 mila euro sono stati sequestrati dalla Dia di Bologna a Saverio Giampà, pregiudicato originario di Catanzaro ma residente da anni nel capoluogo emiliano. Il decreto di sequestro è stato emesso dal tribunale di Catanzaro su proposta del direttore della Dia. Giampà, con diversi precedenti per estorsione e droga, si era trasferito dalla Calabria in Toscana nel 1999. L'anno dopo fu arrestato per aver, in concorso con altri, organizzato, gestito e diretto un'organizzazione criminale dedita al traffico di stupefacenti. Nel giugno del 2004, la Corte d'Appello di Firenze lo ha condannato, con sentenza divenuta irrevocabile nel 2007, ad 8 anni di reclusione per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. Dopo un periodo in carcere a Ferrara, Giampà ha attenuto la semilibertà e si è trasferito con la famiglia a Bologna, dove, secondo gli investigatori della Dia, ha reinvestito in attività commerciali i proventi illeciti fino ad allora accumulati. Gli accertamenti investigativi hanno infatti consentito di documentare la sproporzione tra tra il patrimonio reale di Giampà e quanto dichiarato e fatto scattare il provvedimento di sequestro e la confisca dei beni. (A.A.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi