Regionali Lombardia 2010

Gip Milano, ecco
come 'ndrangheta
procurava i voti

In una pagina dell'ordinanza firmata dal gip di Milano, Alessandro Santangelo, c'é l'esatta suddivisione del procacciamento dei voti da parte dei vari boss, anche 'storici', della 'ndrangheta in Lombardia a favore dell'assessore regionale, Domenico Zambetti, finito oggi in carcere.

Gip Milano, ecco
come 'ndrangheta
procurava i voti
Il politico, secondo l'accusa, avrebbe ottenuto circa 4 mila voti pagando 200 mila euro, ossia "50 euro a voto". La raccolta dei voti ando così, secondo il gip: "Gli esponenti della cosca 'Barbaro-Papalia' procuravano circa 500 voti nella loro area di tradizionale influenza (Corsico, Buccinasco e hinterland sud di Milano)"; Eugenio Costantino aveva procurato circa 700-800 voti nell'area del Magentino; nella città di Milano venivano raccolti complessivamente 2.500 voti di preferenza". A Milano "la maggior parte dei voti venivano raccolti da Ambrogio Crespi", il fratello del noto sondaggista. Per portare voti a Zambetti gli uomini dei clan avevano preso anche "contatti con il gruppo criminale capeggiato da Pepé Onorato", 'storico' capo della 'ndrangheta in Lombardia e anche con la ''criminalità campana e siciliana". Poi anche contatti con Antonio Paolo e Giuseppe Ferraro dei Morabito-Bruzzaniti-Palamara. Uno degli arrestati, Giuseppe D'Agostino, avrebbe contattato "anche Pio Domenico classe 1946, uno dei capi della locale della 'ndrangheta di Desio''.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi