LIGHT IN THE WOODS 2

Ruoli, uomini e affari
della cosca di Ariola

L’organigramma tracciato dalla Dda e dalla Mobile di Catanzaro definisce i compiti dei componenti del “locale” di ‘ndrangheta. Traffico di marijuana e omicidio dei fratelli Loielo articolano i paragrafi dell’avviso di conclusione indagini.

ariola

Un’organizzazione su “scala ridotta”, ma non per questo meno efficiente e sanguinaria. L’inchiesta “Light in the woods 2” traccia i profili e indica i ruoli dei dieci presunti componenti. A iniziare dal “cervello” del gruppo, ovvero Bruno Emanuele, di 40 anni, il quale avrebbe mosso i fili del locale di ‘ndrangheta di Ariola di Gerocarne soprattutto lungo le piste della marijuana, non disdegnando di tanto in tanto la programmazione, la pianificazione e l’esecuzione di omicidi. In particolar modo quando i conti da regolare riguardavano la supremazia sul territorio e, quindi, gli affari e le casse del gruppo. L’avviso di conclusione delle indagini – notificato agli indagati a stretto giro di tempo dalle ordinanze di custodia cautelare – fornisce un quadro chiaro di quello che, a parere degli inquirenti (le indagini svolte dalla Mobile di Catanzaro sono state coordinate dal sostituto procuratore generale Marisa Manzini, in regime di applicazione alla Dda) è l’organigramma del locale di ‘ndrangheta di Ariola a capo del quale, appunto, viene
collocato Bruno Emanuele (difeso dagli avv. Giancarlo Pittelli e Vincenzo Galeota) il quale, oltre a comandare a Gerocarne avrebbe prestato la “propria opera” di killer ai Forastefano, regolando per loro conti nel Cosentino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi