Operazione medusa

Fuoco incrociato di
oltre dieci pentiti
sulla cosca Giampà

Dagli anni Novanta ad oggi nel contesto criminale lametino non è cambiato molto: è quanto scrivono i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nei documenti integrativi che la pubblica accusa, il prossimo 4 dicembre, esibirà davanti ai giudici della sezione penale.

Fuoco incrociato di
oltre dieci pentiti
sulla cosca Giampà

Nell’integrazione investigativa, i magistrati della Dda sottolineano inoltre che «le dichiarazioni rese dagli odierni collaboratori di giustizia (Angotti, Notarianni, Michienzi, Capo, Belnome, Torcasio, Cosentino, Saverio, Rosario e Giuseppe Cappello), nonché dell’indagato in procedimento connesso/collegato Governa, oltre a trovare un significativo
riscontro tra loro, sono tutte compatibili con le descrizioni fatte da Di Stefano e dagli altri collaboratori di giustizia degli anni Novanta». Dichiarazioni che per gli inquirenti rappresentano «il dato storico-giuridico dell’esistenza della cosca Giampà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi