Palazzo S. Giorgio

Reggio, stipendi
comunali a rischio

La Corte dei Conti sollecita il sindaco Arena a fare trattenute ai dipendenti direttamente in busta paga. L’Amministrazione deve recuperare 22 mln (la metà è stata percepita dai dirigenti).

palazo s. giorgio

Il Comune deve recuperare 22 milioni di euro che avrebbe indebitamente erogato ai suoi dipendenti nel corso degli anni. Una cifra esorbitante che pesa sulle casse municipali. La Corte dei Conti è tornata alla carica con l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria e, nei giorni scorsi, ha inviato una comunicazione poco amichevole al sindaco Demetrio Arena “invitandolo” a essere meno delicato nell’esplosiva questione del recupero crediti nei confronti dei dipendenti comunali e dei dirigenti. Il cortese “invito” dei magistrati contabili, tradotto in soldoni, equivale a un perentorio: applicate delle trattenute direttamente in busta paga. Quanto basta per innescare un’altra bomba sociale e mettere l’Amministrazione Arena con le spalle al muro.
I 22 milioni di euro che la Corte dei Conti vuole che Palazzo San Giorgio recuperi a ogni costo si devono considerare divisi in due gruppi: 11 milioni dovranno essere recuperati dagli stipendi della quasi totalità dei dipendenti comunali; gli altri 11 sono dovuti dai dirigenti e da chi ricopre ruoli apicali all’interno dell’Amministrazione. Per quanto riguarda questi ultimi, l’Amministrazione comunale ha già formalmente contestato i fatti con atti notificati a ciascuno dei soggetti interessati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi