'Ndrangheta

Aemilia, 23 avvisi
di chiusura indagini

La Procura distrettuale antimafia di Bologna ha inviato l'avviso di chiusura indagini per il secondo troncone dell'operazione Aemilia, quello che il 16 luglio aveva portato all'applicazione di nove misure cautelari

Aemilia, 23 avvisi 
di chiusura indagini

La Procura distrettuale antimafia di Bologna ha inviato l'avviso di chiusura indagini per il secondo troncone dell'operazione Aemilia, quello che il 16 luglio aveva portato all'applicazione di nove misure cautelari, dopo i 117 arresti di fine gennaio che avevano colpito la 'Ndrangheta imprenditrice' e i suoi presunti legami politici ed economici sul territorio. L'avviso, firmato dal procuratore aggiunto Valter Giovannini e dal pm Beatrice Ronchi, è arrivato - riferiscono alcuni media - a 23 indagati. Si tratta del boss Nicolino Grande Aracri, Alfonso Diletto, ritenuto un elemento importante della cosca soprattutto per la gestione degli affari, la figlia Jessica Diletto, Michele, Domenico e Catiana Bolognino, poi l'imprenditore Giovanni Vecchio, il figlio Silvano, Patrizia e Alfonso Patricelli, oltre a Francesco e Vincenzo Salvatore Spagnolo, Bruno Milazzo, Francesco, Antonio Muto, Emanuela Morini, Ibrahim Ahmed Abdelgawad, Abdellatif El Fatachi, Mihai Vrabie, Antonio Petrone, Gennaro Gerace, Loris Tonelli, Gianluigi Sarcone. Il troncone bis dell'indagine si è concentrato sull'aspetto economico e, in particolare, sulle intestazioni fittizie delle società per evitare di ricondurre la proprietà a componenti della cosca, oltre alle false fatturazioni. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi