Sorianello (VV)

Omicidio Ciconte,
stessa matrice di
altri tre agguati

Sarebbe da collegare allo stesso movente dell'assassinio di Antonino Zupo, pregiudicato agli arresti domiciliari ucciso sabato scorso a Gerocarne sull'uscio della sua abitazione, l'omicidio di Domenico Ciconte, l'imprenditore assassinato stamattina a Sorianello.

Omicidio Ciconte,
stessa matrice di
altri tre agguati

Gli assassini di Ciconte e Zupo, secondo quanto è emerso dalle prime indagini, s'inserirebbero nello stesso contesto criminale che è alla base anche dell'omicidio nel giugno scorso di Nicola Rimedio a Serra San Bruno e del tentato omicidio in aprile di Giovanni Emanuele. Tutti fatti che sarebbero da collegare ad una serie di vendette provocate dalla disarticolazione delle famiglie egemoni di 'ndrangheta nella zona delle Pre Serre vibonesi dopo alcune operazioni condotte dalla Dda di Catanzaro che hanno portato all'esecuzione di numerosi arresti. Secondo gli investigatori, inoltre, non ci sarebbe un legame tra l'omicidio di Domenico Ciconte e quello del fratello Fausto, avvenuto alla fine degli anni '80. Ad uccidere stamattina Domenico Ciconte, secondo la ricostruzione della polizia, sono state due persone che si sono introdotte nel giardino della villa dell'imprenditore approfittando del fatto che il cancello era stato aperto per fare entrare il trattore condotto dall'operaio che doveva avere un colloquio con Ciconte per questioni di lavoro. L'imprenditore é stato ucciso con tre fucilate al volto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi