Navi Tirrenia

Amianto, ispezione
nel porto di Crotone

Il Pubblico Ministero del Tribunale di Crotone Gabriella De Lucia, nel procedimento a carico di ignoti, in relazione alla presenza di amianto a bordo delle navi della compagnia Tirrenia, ha disposto l'ispezione a bordo delle imbarcazioni ancorate nel porto calabrese: lo sostione, in una nota, l'Osservatorio Nazionale Amianto.

Amianto, ispezione
nel porto di Crotone
Il Pubblico Ministero del Tribunale di Crotone Gabriella De Lucia, nel procedimento a carico di ignoti, in relazione alla presenza di amianto a bordo delle navi della compagnia Tirrenia, ha disposto l'ispezione a bordo delle imbarcazioni ancorate nel porto calabrese: lo sostione, in una nota, l'Osservatorio Nazionale Amianto.

Secondo il PM, vi è fondato - dice la nota - "motivo di ritenere che a bordo delle navi della Tirrenia sia stato fatto largo uso di amianto e che il cattivo stato di conservazione del materiale, la mancata adozione delle misure di prevenzione necessarie e i noti effetti cancerogeni che derivano dall'inalazione delle fibre di asbesto, possono causare un pericolo grave sia per i lavoratori impiegati a bordo, sia per la salute collettiva. Il caso Tirrenia è scoppiato dopo l'esposto presentato il 22 maggio scorso da Giovanni Cuccaro, ex dipendente della società marittima affetto da mesotelioma pleurico, assistito dall'avvocato Ezio Bonanni. Per l'esecuzione delle ispezioni a bordo dei traghetti della Tirrenia, il magistrato ha dato incarico al NISA Nucleo investigativo sanità ed ambiente di Polizia Giudiziaria con l'ausilio di personale tecnico specializzato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi