Gioia Tauro

Il porto conquista
gli iracheni

Il ministro ai TrasportiAl-Ameri ieri in visita all’Authority. «È il migliore scalo di transhipment nel Mediterraneo»

Il porto conquista 
gli iracheni
Per le sue dotazioni strutturali, il porto di Gioia Tauro è considerato un esempio internazionale da seguire. Con questa motivazione, spinto quindi dal desiderio di conoscere lo scalo più grande del Mediterraneo con i propri occhi, il ministro iracheno ai Trasporti, Hadi Ferhan Al-Ameri, ha fatto visita all’Autorità portuale di Gioia Tauro.
Nel suo viaggio è stato accompagnato dall’ambasciatore iracheno in Italia, Saywan Barzani, e da una delegazione governativa della Repubblica dell’Iraq. Ad accogliere gli ospiti sono stati il presidente Giovanni Grimaldi e il segretario generale Salvatore Silvestri. Nel corso della giornata, su dettagliate richieste, sono stati descritti tecnicamente i parametri strutturali del porto. In particolare è stato illustrato il sistema infrastrutturale ed operativo dello scalo, all’avanguardia in Italia e nel Mediterraneo. Con banchine capaci di accogliere, contemporaneamente, tre navi di ultima generazione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi