Calabria

Forestali, il 21 settembre
sarà mobilitazone

"Per i lavoratori forestali della Calabria è tempo di fare chiarezza. L'arroganza, con la quale l'assessorato alla forestazione affronta le questioni relative a indirizzi generali di politiche forestali; riforma del settore e non solo degli enti gestori; responsabilità dei pagamenti, aggrava la situazione, e fin ora non ha risolto nessun problema".

Forestali, il 21 settembre
sarà mobilitazone

"Per i lavoratori forestali della Calabria è tempo di fare chiarezza. L'arroganza, con la quale l'assessorato alla forestazione affronta le questioni relative a indirizzi generali di politiche forestali; riforma del settore e non solo degli enti gestori; responsabilità dei pagamenti, aggrava la situazione, e fin ora non ha risolto nessun problema". 

A sostenerlo, in una nota, sono i sindacalisti Santino Aiello (Flai-Cgil) Giuseppe Gualtieri (Fai-Cisl) e Antonio Merlino (Uila-Uil), che hanno annunciato la mobilitazione dei lavoratori per il 21 settembre. "C'era stato però - proseguono - un preciso impegno da parte dell'assessore Trematerra. Ovviamente non mantenuto. Ad oggi non c'é nessuna certezza dei pagamenti delle mensilità di luglio ed agosto 2012. Ma è possibile che non ci si renda conto che in una situazione di cristi generalizzata non si possono sottrarre le risorse di 8.500 lavoratori, la maggior parte di essi monoreddito? Dobbiamo proclamare l'ennesima mobilitazione per riuscire ad avere un settore normale? Ebbene, la proclamiamo. Da oggi i lavoratori forestali sono in agitazione in preparazione della mobilitazione prevista per il 21 settembre 2012". 

"Assessore Trematerra, assessore Mancini, presidente Scopelliti - sostengono i sindacalisti - siete responsabili del disastro che si sta creando dentro il settore forestale calabrese; è del tutto inutile che continuiate a diffondere note stampa con la manfrina della riforma di un ente gestore che é la panacea di tutti i mali. Non vi consentiremo di mettere sul lastrico 8500 lavoratori. E' urgente ed indifferibile un tavolo permanente di confronto su programmazione e progettazione. Se non riuscite a comprendere che il lavoro forestale ed i lavoratori sono un patrimonio per la Calabria, beh, crediamo che sappiate qual è la cosa migliore da fare". "Le organizzazioni sindacali, ed i lavoratori forestali - concludono Aiello, Gualtieri e Merlino - dalla politica aspettano, ed in tempi rapidi, risposte certe. In questo quadro pesante di difficoltà non siamo in grado di poter garantire la tenuta democratica delle mobilitazioni". (Ansa)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi