Ma sotto la media

Imu, a Cosenza
la rata più pesante

In Calabria, l'importo medio più elevato si pagherà a Cosenza, con 115 euro, cifra comunque inferiore alla media nazionale che è di 131 euro; a seguire Reggio Calabria, con 85 euro e Vibo Valentia con 76.

Imu, a Cosenza
la rata più pesante

Entro il 17 settembre, i proprietari di prima casa che hanno deciso di dilazionare in tre tranches il pagamento dell'Imu saranno chiamati a versare la seconda rata dell'imposta sugli immobili. In Calabria, l'importo medio più elevato si pagherà a Cosenza, con 115 euro, cifra comunque inferiore alla media nazionale che è di 131 euro; a seguire Reggio Calabria, con 85 euro e Vibo Valentia con 76. 

La seconda rata più leggera per i proprietari che hanno scelto il pagamento in tre soluzioni (prima rata a giugno, ulteriore acconto a settembre, saldo a dicembre) si pagherà a Catanzaro e Crotone, con un importo medio di 34 euro. E' quanto emerge da un'analisi della Cgia di Mestre, secondo cui la seconda rata dell'Imu più salata si pagherà a Bologna (293 euro), Milano (269), Genova (227), Torino (224). 

Lo studio, inoltre, ha evidenziato che nei Comuni capoluogo la seconda tranche dell'imposta costerà mediamente il 62% in più rispetto alla media versata dai proprietari di prima casa ubicata nei Comuni della stessa provincia. Una tendenza che si registra anche in Calabria. A Cosenza e Reggio, in particolare, la seconda rata sarà più cara del 64% rispetto alla media degli altri Comuni delle rispettive province; una percentuale che sale a +74% a Vibo Valentia e scende a +54% a Crotone. Secondo i dati della Cgia di Mestre, più contenuta la differenza tra Catanzaro e il resto della provincia: nel capoluogo di regione, la seconda rata dell'Imu costerà in media solo il 14% in più rispetto alla media versata dai proprietari di prima casa dei Comuni della provincia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi