Pizzo

Intimidazione al
vicesindaco Anello

Cinque colpi di pistola hanno danneggiato la saracinesca della sua attività commerciale in via Nazionale. Indagini a 360 gradi e il prefetto convoca il comitato Ordine e sicurezza.

Intimidazione al 
vicesindaco Anello

Una pioggia di piombo contro l’attività commerciale di proprietà del vicesindaco Fabrizio Anello. Nella notte di venerdì, ignoti hanno preso di mira la saracinesca del negozio di prodotti ittici surgelati “Iceland”. Cinque colpi di arma da fuoco hanno squarciato il silenzio di una zona della centralissima via Nazionale. I colpi sono stati esplosi
da una pistola di grosso calibro (con molta probabilità si tratta di una 9x21). I proiettili hanno forato la saracinesca e la vetrata di ingresso del locale, per andare a fermarsi dall’altra parte, a qualche metro di distanza. Secondo l’interessato, l’attentato si spiegherebbe con il suo impegno politico, ma i Carabinieri, che lavorano agli ordini del comandante della stazione Pietro Santangelo, hanno esteso le indagini a 360 gradi e non escludono alcuna ipotesi investigativa. L’episodio non viene, comunque, per nulla sottovalutato, come conferma l’iniziativa del prefetto, Michele di Bari, che già ieri mattina ha voluto incontrare Fabrizio Anello che si è recato al Palazzo del Governo accompagnato dal sindaco Gianluca Callipo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi