Attentato

Gioia Tauro, bomba
contro distributore

Paura la scorsa notte tra gli abitanti di Gioia Tauro a causa di un attentato fatto contro un distributore di carburante.La preoccupazione del sindaco Bellofiore

Gioia Tauro, bomba
contro distributore
Un boato, vetri che vanno in frantumi, le grida della gente che si riversa in strada per la paura: è stata una notte da incubo a Gioia Tauro, dove una bomba ad alto potenziale ha distrutto un distributore di carburante nel centro cittadino. L'ordigno è stato collocato accanto ad una delle colonnine del distributore e lo scoppio ha provocato, praticamente, la distruzione dell'impianto. Tutto questo mentre Gioia Tauro viveva un momento di festa, con tante persone lungo le vie della cittadina reggina, in onore della Madonna di Portosalvo. Il distributore è gestito da un incensurato, P.L., di 22 anni. Ma la polizia, che sta svolgendo le indagini, tiene nella massima considerazione un particolare che potrebbe rivelarsi determinante per mettere a fuoco la matrice dell'attentato. A gestire il distributore, fino a poco tempo fa, era Vincenzo Priolo, di 29 anni, ucciso in un agguato nel luglio del 2011 e ritenuto dagli investigatori vicino alla cosca Piromalli della 'ndrangheta. Vincenzo Priolo era il nipote di Giuseppe Priolo, assassinato anche lui in un agguato nel febbraio scorso. Il contesto criminale in cui potrebbe inquadrarsi l'attentato appare, dunque, di livello elevato anche perché avvenuto in una cittadina come Gioia Tauro, da sempre ad alta densità mafiosa. Lo scoppio è stato avvertito in un raggio di alcuni chilometri ed ha indotto gli abitanti della zona, visibilmente impauriti, a lasciare le loro case. I vigili del fuoco si sono preoccupati, soprattutto, di mettere in sicurezza l'impianto per evitare che le fiamme seguite all'esplosione si estendessero ai serbatoi di carburante. E stato solo per un caso fortuito che lungo la strada in cui é ubicato il distributore, nel momento dell'esplosione, non passasse nessuno. Di fatto, però, si è rischiata la strage ed il primo a sottolinearlo è stato il sindaco di Gioia Tauro, Renato Bellofiore, secondo il quale "si è trattato di un episodio gravissimo e reso ancora più intollerabile dal fatto che lo scoppio, in una strada molto frequentata, è avvenuto in un orario di intensa circolazione con il rischio di trasformarsi in una vera e propria strage. Un fatto scellerato - ha aggiunto Bellofiore - che condanniamo senza appello e sul quale auspichiamo venga fatta al più presto chiarezza. Un gesto che ha colpito al cuore tutte le istituzioni e la società civile di Gioia Tauro. E' indispensabile, a questo punto, un'azione di forza da parte delle istituzioni dello Stato".(ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi