REGIONE

Talarico rieletto
presidente

L'elezione è avvenuta nel corso della terza votazione nella quale è sufficiente la maggioranza semplice per pervenire alla elezione del massimo rappresentante dell'Assemblea elettiva calabrese.

Francesco Talarico

Francesco Talarico

Con trenta voti di preferenza Francesco Talarico (Udc) è stato riconfermato alla carica di Presidente del Consiglio regionale. L'elezione è avvenuta nel corso della terza votazione nella quale è sufficiente la maggioranza semplice per pervenire alla elezione del massimo rappresentante dell'Assemblea elettiva calabrese. Quarantacinque i consiglieri presenti, trentacinque i votanti. Cinque le schede bianche. Non hanno partecipato al voto i consiglieri del Pd, Sel e Italia dei Valori, che non erano presenti in aula. Nella successiva votazione per l'elezione dei due vice presidenti alla quale hanno partecipato quarantacinque votanti, sono stati eletti Alessandro Nicolò (Pdl) per la maggioranza e Pietro Amato (Pd) per l'opposizione. Il primo ha riportato ventinove preferenze, il secondo sedici. L'ultima votazione ha riguardato l'elezione dei due segretari-questori del Consiglio regionale. Su quarantacinque votanti sono stati eletti Giovanni Nucera (Pdl) per la maggioranza e Francesco Sulla (Pd) per l'opposizione. Ventinove preferenze sono andate a Giovanni Nucera, sedici a Francesco Sulla.

"Rivolgo un ringraziamento a tutti voi per la fiducia che mi avete corrisposto riconfermandomi alla carica di Presidente del Consiglio regionale". Così il riconfermato presidente del Consiglio Francesco Talarico si è rivolto all'Aula di Palazzo Campanella al termine delle votazioni per il rinnovo dell'Ufficio di Presidenza. Ringraziamento che ha esteso anche alla minoranza "che ha permesso - ha spiegato - di raggiungere i trenta voti nel corso delle tre prime votazioni di ieri". Una rielezione che Talarico ha inteso interpretare come una "conferma al lavoro che abbiamo compiuto in questo primo scorcio di legislatura. Un voto che intende rafforzare e proseguire - ha aggiunto Talarico - la strada del cambiamento e delle riforme che intendiamo attuare per questa Regione. Abbiamo approvato finora centosedici leggi e tenute quarantacinque sedute di Consiglio regionale, molte delle quali tematiche dedicate alle grandi emergenze della Calabria,come la sanità, l'ambiente e l'abolizione dei Tribunali. Abbiamo introdotto nuovi istituti come il 'question time' stumento di confronto democratico all'interno della massima assemblea elettiva calabrese. Ma la cosa di cui vado più orgoglioso sono stati i tagli finanziari che abbiamo introdotto nella politica. Risparmi che abbiamo restituito alla Giunta regionale, non era mai successo, e destinate ad affrontare le grandi emergenze della Calabria". Talarico ha inoltre rilevato "la grande sinergia istituzionale" che ha caratterizzato il lavoro di Giunta e Consiglio, ed ha rivolto un sentito ringraziamento al Presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti per il "rispetto e la sensibilità istituzionali manifestate in questi anni". "Abbiamo ottenuto risultati importanti - ha proseguito Talarico ricordando l'approvazione entro i tempi stabiliti delle manovre di Bilancio, 'una chimera per questa Regione'. Con il voto di oggi intendiamo proseguire spediti verso la fine della legislatura, affrontando le grandi questioni della Calabria e cercando le più opportune soluzioni". Talarico ha poi ricordato "la grande attenzione del Consiglio regionale verso i giovani. In poco più di due anni ne abbiamo ospitati qui oltre diecimila, attraverso l'iniziativa dei 'ragazzi in Aula'. E grande attenzione è stata dedicata attraverso l'approvazione di leggi ed Ordini del Giorno al tema della legalità. Voglio ricordare l'apertura della 'Bottega della Legalità' all'interno del Consiglio regionale". "Auguro - ha concluso Talarico - a tutti i colleghi che sono stati come me riconfermati nell'Ufficio di Presidenza l'auspicio di un buon lavoro. Ci si può dare l'opportunità di affrontare le importanti questioni dell'autunno con maggiore stabilità e serenità. La Calabria ha bisogno di un gioco di squadra ed auspichiamo un ricompattamento della minoranza, con la quale collaborare e rimboccarsi le maniche per affronatre le grandi questioni e rilanciare l'immagine di questa terra che ha grandi potenzialità e risorse per emergere. Tra le prime questioni importanti da affrontare ci sono le Riforme di Arssa e Afor". L'ultimo atto del Consiglio è stata l'approvazione all'unanimità di un Ordine del giorno a firma del consigliere Pdl Giuseppe Caputo contro l'abolizione del Tribunale di Rossano. Il Consiglio sarà riconvocato a domicilio.(ANSA)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi