MALTEMPO

"Pronti per lo stato
di calamità a Lamezia"

Lo afferma in una nota il consigliere regionale Mario Magno che ha sollecitato l'intervento del l'on. Torchia, sottosegretario con delega alla protezione civile per la regione Calabria

lamezia
Al fine di sollecitare gli organi competenti a prevedere gli interventi necessari ad affrontare le emergenze causate dalla violenta perturbazione atmosferica che ha colpito la popolosa frazione Caronte di Lamezia Terme, ho contattato personalmente l'On. Torchia, Sottosegretario con delega alla Protezione Civile per la Regione Calabria". Lo afferma in una nota il consigliere regionale Mario Magno. "Il Sottosegretario - aggiunge - mi ha assicurato che, non appena arriverà la richiesta del Comune di Lamezia Terme, si attiverà immediatamente presso gli organi di governo per incoraggiare l'esito positivo dell'iter che porterà all'eventuale dichiarazione di stato di calamità naturale. E' stata già positiva la solerzia con la quale Sindaco e Prefetto si sono voluti rendere conto dei danni prodotti dal maltempo. E' necessario, tuttavia, che non si tralasci alcuna soluzione che possa favorire il risarcimento dei danni subiti agli abitanti di quest'importate quartiere di Lamezia Terme, sconvolti gravemente da quanto accaduto. Sin da subito, anzi, ritengo importante - a prescindere dall'eventuale dichiarazione dello stato di calamità che, è bene ricordarlo, è di competenza governativa e viaggia su un percorso lungo e tecnicamente districato - immaginare forme di intervento immediato per consentire quantomeno la rimozione delle situazioni di pericolo ed il ripristino delle condizioni minime di vivibilità e quotidianità lavorativa".(ANSA).

Intanto il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha emesso un'ordinanza, riferisce una nota del Comune, "in relazione alla violenta tromba d'aria che si è abbattuta in città e ha presentato una proposta di delibera per chiedere lo stato di calamità naturale che verrà discussa nella Giunta straordinaria convocata per oggi pomeriggio alle 18, alla presenza del prefetto, Antonio Reppucci. Prima della giunta è previsto un incontro con tutti i capigruppo consiliari". Nell'ordinanza il sindaco dispone "la prosecuzione degli interventi che dovranno riguardare tipologie di rifiuti pericolosi che risultano precipitati anche su terreni privati, nonché l'abbattimento di alberi, rami, piante e quant'altro possa rappresentare pericolo per la pubblica incolumità. Il fenomeno improvviso ha interessato vasta parte del territorio comunale ricadente soprattutto nella zona del centro abitato della località Caronte compreso tra la strada comunale Sambiase-Porto Salvo a sud e lo stabilimento termale di Caronte a nord, provocando danni agli edifici, alle abitazioni ed alle infrastrutture stradali ricadenti lungo il percorso seguito dalla perturbazione, scoperchiando tetti, sradicando alberi e risucchiando nel violento vortice rami, pezzi di tetto, lastre di eternit, detriti, rottami, provocandone la ricaduta lungo le strade ed anche nei circostanti terreni di proprietà privata" (ANSA)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi