palazzo madama

Il Senato vota la riduzione dei deputati

Da 630 passerebbero a 508 di cui 8 eletti all'estero. L'età per enrare a Palazzo Madama passa da 25 a 21 anni. I voti a favore sono stati 212, 27 gli astenuti (la Lega) e 11 i contrari. D'Alia ora tocca ai senatori

Il Senato vota la riduzione dei deputati

L'Aula del Senato ha approvato l'articolo 1 del ddl sulle riforme costituzionali che prevede il taglio del numero dei deputati che passano da 630 a 508 (di cui 8 eletti all'estero). Viene anche abbassata da 25 a 21 anni l'età per essere eletti.

Il via libera al taglio del numero dei deputati in Aula al Senato è passato con un sì quasi unanime. I voti a favore sono stati 212, 27 gli astenuti (la Lega) e 11 i contrari, tra i quali i Radicali Marco Perduca e Donatella Poretti, il senatore Li Gotti dell'Idv e Mario Baldassarri (Fli) che ha sottolineato che "non si può votare un taglio dei parlamentari senza sapere nemmeno quale sia la legge elettorale". (ANSA).

Il taglio dei deputati votato oggi dall'Aula del Senato "rappresenta un punto d'incontro molto equilibrato che va nella giusta direzione e consente ai giovani di avvicinarsi alla politica. In più non elimina la rappresentanza dei deputati italiani eletti all'estero, la cui rinuncia sarebbe stata un atto contro il Paese". Lo dice il presidente dei senatori dell'Udc, Gianpiero D'Alia che aggiunge: "Il mio gruppo si impegna sin da ora a votare già da mercoledì la riduzione dei senatori, che per noi rappresenta un atto politico impegnativo e coerente con la linea che abbiamo espresso in queste settimane". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi