Siria

Ong, almeno 18 morti in esplosione a confine turco

Crolla edificio, molte vittime sotto le macerie

Razzi su scuole e ospedali, 50 morti

E' salito a 39 il numero delle persone rimaste uccise nell'esplosione di un deposito di armi in Siria, al confine con la Turchia. Tra loro anche 12 bambini.

Molti i feriti. Lo hanno reso noto l'Osservatorio siriano per i diritti umani. L'esplosione è avvenuta nel villaggio di Sarmada, nella provincia nord-occidentale di Idlib, vicino al confine turco. Il deposito era alla base di un edificio. Secondo i primi soccorritori l'esplosione ha fatto collassare due edifici, seppellendo molte delle vittime.

La deflagrazione ha fatto crollare un edificio di 5 piani. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani il quale però non è in grado di dire se le vittime siano tutte civili.


I volontari dei cosiddetti 'Caschi bianchi' fanno sapere che l'esplosione è avvenuta nel villaggio di Sarmada e che "ci sono molti morti e feriti". Diverse persone sarebbero ancora sepolte sotto le macerie. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato l'esplosione anche se l'Osservatorio afferma che un deposito di armi è stato fatto detonare nell'edificio. Il deposito era gestito da un trafficante di armi vicino al Comitato per la Liberazione del Levante legato ad al Qaida.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Domani i funerali di Marta Danisi

Oggi i funerali di Marta Danisi

di Rosario Pasciuto