Roma

Ucciso dopo inseguimento: condanna a 8 mesi per il poliziotto

Appello, omicidio colposo. In primo grado era stato assolto

tribunale generico

Sentenza ribaltata in appello per la vicenda della morte di Bernardino Budroni, il giovane romano ucciso in un inseguimento con le forze dell'ordine nel luglio 2011 sul Gra di Roma. La prima Corte d'appello ha condannato a 8 mesi di reclusione Michele Paone, l'agente di polizia che sparò e uccise Budroni, che fuggiva dalla polizia chiamata dalla ex fidanzata che lo accusava di stalking. In primo grado Paone era stata assolto, con la formula 'perché il fatto non costituisce reato'. Oggi, in appello è arrivata la condanna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi