Nel Bolognese

Partorisce due gemelli
Ne getta uno tra i rifiuti

Ha partorito in casa il primo di due gemelli di 22 settimane, poi lo ha messo in un sacchetto di plastica e lo ha gettato in un cassonetto della spazzatura. L'altro lo ha partorito in ospedale ed ora è in incubatrice. E' avvenuto la scorsa notte a Ozzano Emilia, nel Bolognese. La madre è una italiana di 21 anni che vive con i genitori.

Partorisce due gemelli
Ne getta uno tra i rifiuti

Ha partorito in casa il primo di due gemelli di 22 settimane, poi lo ha messo in un sacchetto di plastica e lo ha gettato in un cassonetto della spazzatura. L'altro lo ha partorito in ospedale ed ora è in incubatrice. E' avvenuto la scorsa notte a Ozzano Emilia, nel Bolognese. La madre è una italiana di 21 anni che vive con i genitori.

Ad accorgersi di quello che era accaduto sono stati i medici dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna, dove la ragazza, accompagnata dai genitori, era andata per partorire. E' venuto alla luce, appunto, un bambino prematuro di 22 mesi ma i medici, dallo stato della placenta e del cordone ombelicale, si sono subito resi conto che si trattava di un parto gemellare. La ragazza ha però negato. Così i sanitari hanno chiamato il 113.

La giovane avrebbe poi ammesso di aver gettato il primo bambino nel cassonetto. Le 'volanti' sono andate subito ad Ozzano e in un cassonetto vicino alla casa della ventunenne hanno trovato il corpicino privo di vita nel sacchetto. Della vicenda si occupa il pm di turno Domenico Ambrosino. Non si sa ancora se sono stati presi provvedimenti a carico della ragazza. Per il tipo di reato che le verrà attribuito sarà necessario capire se il piccolo è nato vivo o meno.

"E' una vicenda drammatica anche perché accaduta in un contesto territoriale ove bastava chiedere aiuto sociosanitario per ottenerlo". Lo ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini, portavoce della Procura, commentando la vicenda del feto nel cassonetto. La Procura, con la polizia, sta cercando di ricostruire tutti i passaggi della vicenda. "Per la qualificazione giuridica del reato - ha spiegato il magistrato - occorre attendere l'esame medico legale (sarà eseguito con l'ausilio di un neonatologo), perché è fondamentale accertare se il bimbo sia nato vivo oppure no".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi