Falsi Poveri

La GdF ne scopre 2300 in Veneto

Usufruivano dell'esenzione dal pagamento del "ticket sanitario". I finanzieri proseguiranno gli accertamenti per verificare altre 8.000 posizioni di persone fisiche dichiaratesi 'disoccupate'.

La GdF ne scopre 2300 in Veneto

Scoperti dalla Guardia di finanza in Veneto oltre 2.300 falsi 'poveri' che usufruivano dell'esenzione dal pagamento del "ticket sanitario". Il controllo è stato svolto, per ora, in cinque Ulss sulle 22 esistenti nella regione, con un bacino d'utenza di circa 1.200.000 assistiti residenti in 183 comuni delle province di Venezia, Belluno, Padova, Treviso e Vicenza. I finanzieri proseguiranno gli accertamenti per verificare altre 8.000 posizioni di persone fisiche dichiaratesi 'disoccupate'. L'operazione è frutto della sinergia istituzionale tra la Regione del Veneto e la Guardia di finanza, il cui input è stato dato dal comandante regionale, gen. Walter Cretella Lombardo. Il 'report' di analisi, condotto su 30.000 prestazioni in esenzione per 'disoccupazione e reddito' nel biennio 2009-2010, ha evidenziato appunto 2.300 prestazioni elargite nei confronti di cittadini con redditi superiori alla soglia prevista per godere del beneficio e 10.000 prestazioni rese nei confronti di assistiti rivelatisi non disoccupati, nei confronti dei quali le fiamme gialle compiranno ulteriori accertamenti per escludere ulteriori condotte fraudolente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi