INCENDI IN CALIFORNIA

San Francisco in fiamme, 31 morti e scuole chiuse

In soli due giorni emessa in California una quantità di polveri sottili pari ad un anno di traffico. Il fumo sta creando la peggiore qualità dell'aria mai registrata.

San Francisco in fiamme, 31 morti e scuole chiuse

Continua a salire il numero delle persone morte nelle fiamme nel Nord della California: l'ultimo bilancio è di 31 vittime, il più alto in una settimana di incendi nella storia dello stato. La morte di altre due persone è stata confermata la notte scorsa dallo sceriffo della contea di Sonoma, Robert Giordano, e così il bilancio delle vittime è salito da 29 a 31. L'incendio delle colline di Oakland causò nel 1991 la morte di 25 persone, mentre nel 1933 nell'incendio del Griffith Park di Los Angeles morirono 29 persone. 

Il fumo degli incendi nel Nord della California sta creando la peggiore qualità dell'aria nella baia di San Francisco mai registrata ed ha forzato molte scuole a chiudere, mentre molte persone vengono ricoverate al pronto soccorso e molte altre indossano le mascherine quando devono uscire in strada. Da quando gli incendi si sono sviluppati domenica scorsa, la regione è stata investita per diversi giorni consecutivi da ondate di fumo denso. Diversi eventi in programma per il weekend sono frattanto stati cancellati, come la mezza maratona di San Francisco, mentre i responsabili di squadre sportive, come gli Oakland Raiders, stanno monitorando le previsioni in attesa delle partite in calendario. Secondo le autorità, la qualità dell'aria in gran parte della regione è scesa fino ai livelli di alcune delle città della Cina più inquinate.

Dagli incendi le stesse Pm2.5 di un anno di traffico - L'ondata di incendi nel Nord della California ha causato in soli due giorni l'emissione di circa 10mila tonnellate di polveri sottili (Pm2.5), pari a quante ne generano in un anno i 35 milioni di veicoli presenti sulle strade californiane. Lo ha detto Sean Raffuse, analista della qualità dell'aria presso il Crocker Nuclear Laboratory dell'università della California a Davis, in un'intervista a Usa Today. Il Distretto per la gestione della qualità dell'aria della Bay Area ha emesso un'allerta sanitaria che si estende fino al weekend, a causa di "una qualità dell'aria molto malsana con livelli di inquinamento atmosferico senza precedenti". "È indispensabile che i residenti della Bay Area proteggano la loro salute, soprattutto nelle contee di Napa, Sonoma e Solano", si legge in una nota. "Se possibile, si raccomanda di cercare riparo negli edifici con aria filtrata, o di spostarsi in aree meno colpite dagli incendi". A chi resta, gli esperti raccomandano l'uso di una mascherina di tipo N95 per evitare di inalare le polveri sottili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi