istat: dato migliore dal 2007

Deficit-Pil, cresce il potere
di acquisto delle famiglie

La crescita è aiutata dall'andamento dei prezzi, ma sale anche il reddito disponibile, che rappresenta il valore nominale (1,3% sul trimestre e +2,8% su base annua)

Deficit-Pil, cresce il potere di acquisto delle famiglie

Il rapporto tra il deficit e il Pil nel secondo trimestre 2016 è stato pari allo 0,2%, "in miglioramento" di 0,7 punti percentuali su base annua. Lo rileva l'Istat evidenziando che si tratta del livello più basso dal secondo trimestre 2007. Guardando al dato cumulato, relativo al primo semestre dell'anno, l'indebitamento netto si è attestato al 2,3% del Pil, anche in questo caso in calo a confronto con lo stesso periodo dell'anno precedente (era al 3,0%).

Nello stesso periodo sale invece il potere d'acquisto delle famiglie che è aumentato dell'1,1% sui tre mesi precedenti e del 2,9% sull'anno. Anche in questo caso il dato tendenziale è il migliore dal secondo trimestre del 2007. La crescita è aiutata dall'andamento dei prezzi, ma sale anche il reddito disponibile, che rappresenta il valore nominale (1,3% sul trimestre e +2,8% su base annua).(ANSA)
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi