attentato di monaco

Fermato 16enne amico del killer

Sospettato di essere stato a conoscenza del piano d'attacco al centro commerciale e di non avere informato le autorità

Fermato 16enne amico del killer

Un ragazzo 16enne amico del killer di Monaco è stato  arrestato dalla polizia. Lo riferisce Sky News. E' sospettato di essere stato a conoscenza del piano d'attacco al centro commerciale e di non avere informato le autorità. La polizia ha aggiunto che il 16enne potrebbe aver avuto un anche un ruolo nella pubblicazione del falso annuncio su Facebook in cui si invitavano i ragazzi nel luogo della sparatoria.

Ali Sonboly preparava minuziosamente la sua strage "da un anno"; aveva un piano dettagliatissimo che ha lasciato nella casa dei genitori come un testamento. Ma venerdì sera il killer non ha selezionato a priori le sue vittime al momento della sparatoria, nel centro commerciale Olympia di Monaco: è forse per questo che nessuno dei morti era compagno di scuola del diciottenne che, secondo gli inquirenti, era un sociopatico con seri problemi psichici per i quali era in cura in ospedale ed a casa, dove sono stati trovati psicofarmaci.

Mentre continuano ad emergere particolari sulla strage di Monaco e sulla personalità del giovane killer, la Germania è stata scossa oggi da un nuovo atto di violenza, di cui è stato protagonista un migrante siriano senza legami con il terrorismo. Il ventunenne, già noto alla polizia come un soggetto violento ed in attesa di asilo politico, ha ucciso a colpi di machete una donna che lavorava in un negozio di kebab a Reutlingen, vicino Stoccarda. E ad una Germania che si scopre sempre più vulnerabile ha rivolto il suo pensiero anche il Papa che parla di "terribile violenza" di cui sono caduti vittima "soprattutto giovani".

Il profilo delle vittime della strage di Monaco, è quello di giovanissimi e immigrati, uccise da un proprio coetaneo. Sonboly, il killer diciottenne vittima di bullismo che ha aperto il fuoco in un ristorante McDonald's (dopo aver attirato lì alcuni giovani tramite un finto profilo Facebook) e poi in un affollato centro commerciale della periferia nord di Monaco. Un pomeriggio di terrore il cui bilancio è di 10 morti (cinque giovani e 4 adulti), di cui uno è l'attentatore, e27 feriti. Avevano tra i 13 e i 21 anni otto delle nove vittime della carneficina nella quale è morta anche una donna di 45 anni.

CHI SONO LE VITTIME 

 A sparare, dunque, come annunciato in nottata dalla polizia, è stato un tedesco-iraniano di 18 anni. Il killer, con doppia cittadinanza tedesca e iraniana e da diversi anni residente a Monaco, ha iniziato a sparare con una pistola poco prima delle 18 davanti al fast food. E' stato inseguito da agenti in borghese e poi, come confermato dal capo della polizia di Monaco si è suicidato a circa un chilometro dal centro commerciale "Olympia" dove ha completato la strage. Aveva problemi psichici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto