gli effetti della brexit

Borse giù, sterlina in picchiata

Milano scivola in fondo alla classifica, dietro a Parigi (-1,22%), Londra (-1,04%) e Francoforte (-1%). Tengono Madrid (+0,4%) e Atene (+0,1%) mentre i futures Usa accentuano il calo. Nuovo forte calo della sterlina a seguito del voto referendario

Borse giù, sterlina in picchiata

Peggiora Piazza Affari (Ftse Mib -1,75%) con le banche. Intesa e Unicredit cedono oltre il 5% dopo un congelamento al ribasso, che interessa ancora Bpm, Banco ed Mps. Sostengono il listino Eni (+2,64%), Terna (+1,95%) e Snam (+1,83%). Sugli scudi Rcs (+4,99%), attestata sul valore del rilancio dell'Opa di Imh a 0,8 euro.

Male anche le Borse europee, con Milano che scivola in fondo alla classifica, dietro a Parigi (-1,22%), Londra (-1,04%) e Francoforte (-1%). Tengono Madrid (+0,4%) e Atene (+0,1%) mentre i futures Usa accentuano il calo. Nuovo stop al ribasso in Piazza Affari per Intesa, Unicredit e Bpm. Ferme anche Mediobanca, Ubi, Azimut e Yoox-Net-à-Porter. Bene Eni (+1,44%).

Nuovo forte calo della sterlina a seguito del voto sulla Brexit. 

Prezzo del petrolio ancora giù

Gilt decennale sotto 1%, prima volta in storia - Il rendimento del Gilt decennale britannico è sceso sotto l'1% per la prima volta nella storia. Lo rileva Bloomberg precisando che il rendimento del titolo di stato a 10 anni è sceso di 9 punti base, allo 0,993%, il valore più basso dal 1989, ovvero da quando è iniziata la rilevazione.

Spread Btp-Bund parte poco mosso a 163 punti  - Partenza poco mossa per lo spread fra Btp e Bund tedesco mentre continua l'incertezza sui mercati a seguito del Brexit. Il differenziale segna quota 163 punti contro i 160 della chiusura di venerdì. Il rendimento espresso è pari all'1,55%.

Asia rimbalza Tokyo +2,39% - Rimbalzano i listini orientali in avvio di settimana e dopo il venerdì nero della Brexit ed il voto spagnolo senza una maggioranza di governo. Gran finale per Tokyo (+2,39%), mentre Shanghai guadagna l'1,45% a differenza di Hong Kong (-0,54%). Tiene Sidney (+0,47%), chiusura stabile per Seul (+0,08%). In arrivo dati dagli Usa (bilancia commerciale, fiducia dei manager ed indice Fed di Dallas). 

Tokyo, chiusura in rialzo (+2,39%)  - La Borsa di Tokyo ha terminato la prima seduta della settimana col segno più, dopo il crollo di venerdì, mentre non ha conosciuto pausa il declino della sterlina sui mercati asiatici: l'indice Nikkei ha messo a segno un rialzo del 2,39%, guadagnando 357 punti a quota 15.309,21. Lo yen si è apprezzato ulteriormente con il dollaro, assestandosi poco sopra quota 101, mentre la sterlina ha continuato a deprezzarsi sullo yen da venerdì scorso, malgrado le parole del ministro delle Finanze nipponico Taro Aso, questa mattina, su possibili misure di intervento per stabilizzare i mercati valutari.

Prezzo oro non arresta corsa, +1,5% a 1335,5 dollari  - Non arresta la corsa il prezzo dell'oro a seguito dell'afflusso degli investitori sui beni rifugio per via della Brexit. Il metallo con consegna immediata avanza dell'1,5% a 1335,5 dollari l'oncia dopo il balzo dell'8% visto venerdì.

Yuan a 6,6402 dollari, minimi 5 anni e mezzo - Lo yuan sconta l'effetto Brexit e le incertezze correlate scivolando ai minimi degli ultimi 5 anni e mezzo sul dollaro: il renminbi, la cui parità sul biglietto verde è stata fissata oggi a 6,6375, ha toccato quota 6,6402, il livello intraday più basso da dicembre 2010 e in calo dello 0,2% dalla chiusura di venerdì. Il dollaro si rafforza sulle piazze asiatiche, con la sterlina che resta sempre sotto pressione dopo il tracollo di venerdì, ai minimi degli ultimi 31 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi