Elezioni nel Regno Unito

Un sindaco musulmano a Londra?

Il partito di Corbyn tiene invece meglio di quanto alcuni prevedessero in Inghilterra. Nuova disfatta Labour in Scozia

Londra verso sindaco musulmano

Nuova disfatta Labour in Scozia, che dopo quella delle politiche 2015, finisce ora addirittura terzo - secondo le indicazioni della Bbc - nel parlamento di Edimburgo: dietro gli indipendentisti dell'Snp, che confermano il loro dominio, e persino ai Conservatori.

Il partito di Corbyn tiene invece meglio di quanto alcuni prevedessero in Inghilterra, dove (in attesa del risultato chiave sul sindaco di Londra) conserva tutti i consigli comunali chiave, pur perdendo dei consiglieri.

I Conservatori di David Cameron esultano per il buon risultato conseguito in Scozia, con il secondo posto in seggi al Parlamento di Edimburgo: "Complimenti per lo storico risultato", ha twittato Cameron alla emergente leader dei Tory scozzesi, Ruth Davidson. Ma per il partito del premier del Regno Unito va meno bene altrove, dall'Inghilterra al Galles.

Gli euroscettici tornano a crescere con risultati molto soddisfacenti. In Galles l'Ukip per la prima volta conquista sei seggi nell'Assemblea nazionale, e il leader Nigel Farage ha parlato di ''svolta'' del suo partito. Successo che non si è ripetuto in Scozia mentre in Inghilterra gli euroscettici, a metà dei seggi scrutinati, possono già contare su 28 posti di consigliere locale, con uno straordinario incremento di 23 rispetto a quelli controllati con le precedenti elezioni.

Quanto al sindaco di Londra, Sadiq Khan é in testa nelle primissime preferenze scrutinate finora, secondo il blog della Bbc che segue lo spoglio. Si tratta per ora di dati embrionali, che confermano tuttavia il vantaggio accreditato dai sondaggi al candidato laburista, figlio di immigrati pachistani musulmani, sul conservatore Zac Goldsmith.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi