LODI

Sindaco arrestato si autosospende dal Pd

Lo ha riferito il suo legale Pietro Gabriele Roveda, al termine dell'interrogatorio in cui il politico ha risposto alle domande del Gip.

Sindaco arrestato si autosospende dal Pd

Si è autosospeso dal Pd il sindaco di Lodi, Simone Uggetti, arrestato ieri con l'accusa di turbativa d'asta. Lo ha riferito il suo legale Pietro Gabriele Roveda, al termine dell'interrogatorio in cui il politico ha risposto alle domande del Gip.

L'avvocato Roveda ha spiegato che Uggetti ha ribadito al giudice di aver agito "per il bene della città" e ha spiegato di aver chiesto una misura meno afflittiva rispetto a quella del carcere. "Siamo disposti a chiarire quanto è successo anche davanti al pm" ha aggiunto il legale, che non è entrato nel merito del pericolo di inquinamento delle prove che ha comportato l'arresto dell'uomo politico del Pd, al quale è stata anche revocata la carica di sindaco in ragione dell'ordinanza di custodia cautelare. Uggetti è accusato di aver cercato di manomettere, formattandoli, i computer, per cercare di far sparire della corrispondenza compromettente riguardo l'appalto per la gestione di due piscine comunali, che secondo l'accusa sarebbe stato confezionato ad hoc per poter far vincere una società.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi