Intervista

Ruby: mia figlia?
Mai ad Arcore

"Si ballava. Ognuna faceva quello che riteneva giusto fare. C'era la ragazza piu' spigliata e quello meno, c'era quella che lo voleva fare, quella che no. Se lo volevi fare lo facevi, se no stavi seduta sul divano".

Ruby: mia figlia?
Mai ad Arcore

"Si ballava. Ognuna faceva quello che riteneva giusto fare. C'era la ragazza piu' spigliata e quello meno, c'era quella che lo voleva fare, quella che no. Se lo volevi fare lo facevi, se no stavi seduta sul divano". 

Questo uno dei passaggi piu' forti della lunga intervista esclusiva a Ruby Rubacuori che stasera andra' in onda nella prima puntata di 'Servizio Pubblico', il programma multipiattaforma di Michele Santoro, che debutta stasera su La7, a partire dalle 21.10. E cosi', all'indomani dell'annuncio di ritiro dalla scena di politica Berlusconi, e alla vigilia di una nuova udienza del processo Ruby, parla la protagonista ammettendo - per la prima volta, nel colloquio con Francesca Fagnani - che ad Arcore non si trattava solo di cene eleganti: "Balletti hard? Si'. Le ragazze sono sempre libere, maggiorenni e vaccinate. Se il premier ha provato a fare sesso con me? Chiedermelo in maniera esplicita, no. Dipende dalla ragazza come si pone. Fra 30 ragazze lui capisce dove puo' e dove non puo'". "Se manderei mia figlia Sofia ad Arcore? Assolutamente no".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi