CASO REGENI

Egitto annuncia sviluppi ma chiede meno pressioni all'Italia

Il quotidiano Al Watan cita un funzionario del ministero degli Esteri che parla di "sviluppo" investigativo negli ultimi 2 giorni .

Venti chiamateprima di sparire

"Il portavoce del ministero degli Esteri egiziani, Ahmed Abou Zeid, ha affermato che c'è stato un importante sviluppo negli ultimi due giorni" sul dossier di Giulio Regeni: lo scrive il sito del quotidiano egiziano Al Watan senza fornire dettagli su questo "sviluppo" investigativo ma precisando che il portavoce ha parlato ieri a una tv.
   

Parlando dell'imprecisato "importante sviluppo nell'omicidio dello studente italiano Giulio Regeni", il portavoce del ministero degli Esteri egiziano "ha chiesto alla parte italiana di allentare le pressioni politiche sul caso".

Il portavoce ha indicato "che i contatti con la parte italiana continuano per svelare le circostanze della sua morte", ha scritto ancora il giornale sintetizzando fuori di virgolette un intervento telefonico del portavoce alla tv "Al-Hayat". "Abou Zeid ha aggiunto che è necessario vuotare questo dossier delle influenze politiche e lasciarlo agli apparati di sicurezza competenti", riferisce ancora il sito. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi