Roma

Ignazio Marino
attacca il Pd

L'ex sindaco critica le scelte politiche del premier Renzi e punta l'indice sulla gestione capitolina degli ultimi mesi

Ignazio Marino attacca il Pd

A poche ore dalla presentazione alla stampa del suo libro, l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino passa all'attacco del Pd e di Matteo Renzi, anticipando qualche stralcio del volume in un'intervista radiofonica. "Il Partito democratico nel 2008, chiudendosi in una stanza e scegliendolo, ha voluto candidare Francesco Rutelli - dice -. Allora avevano scelto il candidato sindaco del 1993 che ricorda il secolo passato, adesso hanno scelto il capo della segreteria del candidato sindaco del 1993. Non mi sembra un grande passo avanti". "Il Pd - rivela - avrebbe molto gradito andassi in Alaska o in Nuova Zelanda". E poi le critiche al premier Renzi, accusato di "aver fermato i cambiamenti" voluti dal sindaco "marziano". "Stanno ricomparendo i tavolini abusivi - spiega -, non sono state riparate le strade, non è stato attuato il piano di sostituzione di 192mila lampadine led in tutta la città". E sul "caso papa Francesco", chiosa: "Le sue parole sono state strumentalizzate dalla politica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi