roma

Arrivate al "Gemelli" le salme di Failla e Piano

All'istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli stamattina le autopsie sui corpi dei due tecnici italiani uccisi in Libia in circostanze ancora da chiarire

Arrivate al "Gemelli" le salme di Failla e Piano

Stamattina all'Istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli di Roma le autopsie di Salvatore Failla e Fausto Piano, i tecnici italiani uccisi in Libia in circostanze ancora da chiarire. Le salme dei due sono giunte questa notte all'aeroporto di Ciampino a bordo di velivolo militare. Ad accoglierle i familiari e il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Le salme per l'esame autoptico saranno affidate al collegio peritale formato dal professor Vincenzo Pascali, direttore dell'Istituto di medicina legale, Antonio Oliva e Tommaso Tartaglione.

"Sì che avevamo avuto questa impressione, l'avevamo avuta, di fatto ci speravamo tanto": lo ha detto il tecnico della Bonatti, Filippo Calcagno, rispondendo alla domanda - durante un'intervista a Radio Anch'io - se durante la sua prigionia in Libia avesse avuto, insieme ai suoi colleghi, l'impressione che ci fosse una trattativa in corso per la loro liberazione. Ci "accorgevamo" di come stesse andando la trattativa "dai trattamenti - ha proseguito Calcagno -, perché ... quando non avevano contatto loro venivano e si sfogavano con noi. Ce ne accorgevamo di là, perché quando avevano il contatto erano più calmi, più... poi magari venivano, non c'é il contatto e allora giù botte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto