Tripoli

Failla e Piano uccisi
con colpo alla nuca

Lo afferma il ministro degli Esteri Ali Abuzaakouk, in un'intervista al Messaggero. "E' stata un'esecuzione a sangue freddo compiuta da criminali tunisini che non hanno nulla a che fare con l'Islam", ha aggiunto. Il ministro Gentiloni: non pagato alcun riscatto

Uccisi 2 italiani  dall'Isis,

"I due italiani deceduti, e vedrete che l'autopsia confermerà la nostra versione, sono stati uccisi con un colpo alla nuca. Quindi è stata un'esecuzione a sangue freddo compiuta da criminali tunisini che non hanno nulla a che fare con l'Islam. Queste sono le informazioni che abbiamo, ora cercheremo di capire perché lo hanno fatto. Nel frattempo facciamo le nostre condoglianze più sentite alle famiglie e speriamo che non si verifichi mai più una cosa del genere". Lo afferma il ministro degli Esteri del governo di Tripoli, Ali Abuzaakouk, in un'intervista al Messaggero. Parlando della lotta all'Isis, "combattere lo Stato islamico è la nostra priorità. Accetteremo la cooperazione degli altri Paesi in termini di aiuti logistici, armamenti, munizioni. Questo vuol dire lavorare insieme per eliminare l'Isis dalla Libia, in modo che non possa colpire i nostri Paesi confinanti o l'Europa", dice il ministro. Tuttavia "se qualcuno proverà a colpire il nostro Paese senza permesso, il suo gesto verrà considerato un atto di aggressione e una violazione della nostra sovranità nazionale". Sulla presenza in Libia di forze europee di intelligence, "la nostra politica è quella di non avere stranieri armati in Libia. L' unico caso sono forze presenti con il generale Haftar in Cirenaica. Non rifiutiamo un lavoro comune di intelligence per combattere l'Isis, ma la nostra politica sull'argomento è chiara: ufficialmente non abbiamo nessuna forza militare straniera e lo sottolineo, militare", dichiara Abuzaakouk.

Nel sequestro dei 4 italiani in Libia "non sono mai emersi elementi di riconducibilità di formazioni di Daesh in Libia. Non è mai giunta alcuna rivendicazione. L'ipotesi più accreditata è quella di un gruppo criminale filo-islamico operante tra Mellita, Zuwara e Sabrata". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni al Senato.

Per i quattro italiani rapiti in Libia "non è stato pagato alcun riscatto". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un'informativa nell'aula del Senato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi