DRONI USA IN LIBIA

C'è il si dell'Italia

Il ministro Gentiloni: l'autorizzazione concessa rappresenta "la conferma di una collaborazione Italia-Usa"

C'è il si dell'Italia. Il ministro Gentiloni: l'autorizzazione concessa rappresenta

 "Come già detto dal ministro della Difesa, le autorizzazioni" ai droni americani da Sigonella verso la Libia "sono caso per caso: se ci sono iniziative contro terroristi e potenziali attentatori dell'Isis c'è uno stretto rapporto tra noi, soprattutto gli americani, e gli altri alleati. Siamo in piena sintonia con i nostri alleati internazionali". Lo dice il premier Matteo Renzi a Rtl 102.5. "Ci sono potenziali attentatori ed è evidente che l'Italia fa la sua parte come tutti gli altri", aggiunge.

La possibilità che le basi vengano utilizzate per operazioni antiterrorismo "non è preludio a un intervento militare". Lo ha detto il ministro degli esteri Paolo Gentiloni a Istanbul, precisando che "l'utilizzo delle basi non richiede una specifica comunicazione al parlamento, ma sarà il ministero della difesa a valutare" caso per caso. Il ministro ha precisato che l'autorizzazione concessa rappresenta "la conferma di una collaborazione tra Italia e gli Usa, caso per caso, ed è una collaborazione finalizzata a operazioni di difesa", non di attacco. "Oltretutto non credo che questa autorizzazione sia specificamente finalizzata alla Libia ma ad operazioni antiterrorismo in generale", ha concluso Gentiloni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto