'Ndrangheta

"I padroni di Torino
siamo noi"

Il particolare è emerso dalle intercettazioni effettuate nel corso dell'inchiesta "Big bang"

intercettazioni

Sono almeno una ventina le vittime degli 'ndranghetisti arrestati nella notte dai carabinieri tra il Piemonte e la Calabria. Imprenditori, commercianti, ambulanti, ma anche giocatori d'azzardo a cui veniva prestato denaro a tassi del 120% l'anno. Il giro d'affari del gruppo criminale smantellato dai militari dell'Arma, che hanno effettuato venti arresti e 41 perquisizioni, era di oltre 100mila euro al mese. Per intimidire le loro vittime, tra cui l'imprenditore torinese del settore packaging a cui è stata inviata una testa di maiale, i capi della cosca si presentavano come "i padroni di Torino". Il particolare è emerso dalle intercettazioni effettuate nel corso dell'inchiesta. Ad un'altro imprenditore, attivo nel settore dell'installazione di sanitari, gli arrestati avevano chiesto 300mila euro. (AA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi