Ucciso nel Milanese

Il bandito evase
da Palermo

L'ergastolano Valentin Frrokaj, albanese di 37 anni, morto a Rodano durante un conflitto a fuoco con un commerciante che aveva sequestrato in casa insieme a due complici

Carabinieri

E' un ergastolano che è riuscito a evadere per ben due volte il rapinatore ucciso ieri sera in una villetta a Rodano, nel Milanese. Valentin Frrokaj, albanese di 36 anni, era stato condannato all'ergastolo per l'omicidio, avvenuto nel 2007, di un connazionale nella zona di Brescia, a Parco Gallo. Nel febbraio del 2013 era evaso dal carcere di Parma insieme a un connazionale, ed era stato arrestato in agosto a Cassano d'Adda, nel Milanese. Dopo nemmeno un anno, nel maggio del 2014, una nuova evasione, questa volta dal carcere Pagliarelli di Palermo. Frrokaj avrebbe spezzato le sbarre della cella e si sarebbe calato in strada con un lenzuolo. Gli avevano dato la caccia numerose volanti e persino un elicottero ma di lui si erano perse le tracce, almeno fino a ieri sera quando, insieme a due complici, ha atteso fuori da una villetta a Lucino, frazione di Rodano (Milano) l'arrivo del proprietario. I tre hanno aggredito l'uomo, costretto ad aprire la porta e spegnere le telecamere a circuito chiuso all'interno della villetta a due piani, in via Matteotti.

Una volta dentro casa è scoppiato il conflitto a fuoco: dopo un primo colpo sparato in aria dal commerciante, Frrokaj ha reagito e risposto al fuoco e a quel punto è stato centrato da una pallottola ed è morto sul colpo. I suoi complici sono invece riusciti a fuggire. All'identità del rapinatore ucciso i carabinieri di Milano e Monza sono giunti grazie ai rilievi dattiloscopici dopo aver prelevato le impronte sul cadavere e averle comparate con la banca dati Afis. Frrokaj era molto noto negli ambienti investigativi anche perché era stato arrestato proprio nella zona dai carabinieri di Cassano d'Adda (Milano), dopo l' evasione dal carcere di Parma. Quando era stato rintracciato dai carabinieri, il 14 agosto 2013, aveva addosso una beretta carica.

Il ladro ucciso da Rodolfo Corazzo proprietario della villa in via Matteotti a Lucino, frazione di Rodano (Milano), è molto noto a Palermo: è Valentin Frrokaj il 37enne pluripregiudicato albanese evaso il 7 maggio 2014 dal carcere Pagliarelli di Palermo durante l'ora d'aria. L'albanese, che stava scontando una condanna a vita per aver ucciso un suo connazionale nel 2007 a Brescia e non era nuovo alle evasioni, ha raggiunto il muro di cinta del penitenziario sul lato di viale Regione Siciliana e, con una corda fatta con dei lenzuoli, ha agganciato un palo della luce e scavalcato la doppia recinzione. Poi è sparito nel nulla. Per acciuffarlo era partita una caccia all'uomo con centinaia di agenti in strada ed elicotteri, ma non c'è stato nulla da fare. Per quella fuga la procura di Palermo aveva iscritto nel registro degli indagati cinque agenti di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Pagliarelli per procurata evasione. Il rapinatore ai Pagliarelli stava scontando una condanna all'ergastolo per l'omicidio di un connazionale commesso il 23 luglio 2007 a Brescia. Il 37enne era già evaso il 2 febbraio 2013 dal carcere di Parma, ma era stato catturato il 14 agosto dell'anno successivo dai carabinieri di Cassano d'Adda (Milano). (A.A.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi