Farmaci

Menarini annuncia
mille esuberi

La prescrizione del principio attivo e non del nome del farmaco 'griffato', come previsto dal provvedimento sulla spending review, potrebbe "costare" mille posti di lavoro della Menarini, l'azienda farmaceutica toscana che stasera ha annunciato esuberi in Italia per la stessa cifra.

menarini

L'azienda parla di provvedimento "devastante" in grado di "distruggere il settore farmaceutico" dove i lavoratori a rischio potrebbero essere 10-15.000 . Per i sindacati, che definiscono"strumentale e avventata" la mossa dell'azienda, è invece un "ricatto" nei confronti dello Stato. La decisione dell'azienda è stata annunciata oggi ai sindacati dal direttore generale dell'azienda farmaceutica fiorentina, Domenico Simone. "Hanno formalizzato l'apertura della procedura", ha confermato Umberto Saccone, segretario provinciale della Filctem-Cgil. "Oggi ci eravamo incontrati - ha spiegato - per discutere sul premio di partecipazione, che era in ballo da quattro mesi. Poi il dg Simone ci ha detto che non accettava che una legge mettesse in condizione di non riconoscere la professionalità dell'azienda, e per questo motivo, in tempi veloci, l'organico sarebbe stato ridotto di mille persone. Ma non puoi dire - ha aggiunto il sindacalista - che se lo Stato fa una legge, io ricatto lo Stato". "Dalla metà di agosto è entrata in vigore una legge" che produce "il trasferimento di quote di mercato ai produttori di farmaci generici", dice il direttore generale della Menarini Domenico Simone riferendosi al provvedimento entrato in vigore ad agosto che impone ai medici di famiglia di scrivere nella ricetta il nome del principio attivo anziché quello commerciale del prodotto. Netto il giudizio dell'azienda: "E' devastante, sta distruggendo il settore farmaceutico", ha detto Simone, secondo il quale "non è più conveniente" produrre in Italia. Per questo, ha spiegato, "stiamo rivedendo i nostri piani strategici in Italia". L'annuncio degli esuberi non è tuttavia un fulmine a ciel sereno. L'assessore alle attività produttive della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini, aveva inviato una lettera al ministro Corrado Passera chiedendo un intervento urgente a favore dell'industria farmaceutica, messa in difficoltà dalla nuova legge. Ad annunciare l'iniziativa era stato lo stesso Simoncini, intervenendo a un incontro organizzato proprio dalla Menarini, al quale avevano partecipato istituzioni e parlamentari toscani. La Toscana è fra i maggiori poli nazionali nella produzione farmaceutica, il terzo in assoluto dopo Lombardia e Lazio, con 20 imprese attive e oltre 12.000 addetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi