Sciopero

Giornata nera
per i trasporti

Oggi è un martedì nero per la mobilità urbana in una settimana di disagi per i trasporti. Bus, tram e metro si fermeranno infatti per l'intera giornata per lo sciopero nazionale.

Giornata nera
per i trasporti

Oggi è un martedì nero per la mobilità urbana in una settimana di disagi per i trasporti. Bus, tram e metro si fermeranno infatti per l'intera giornata per lo sciopero nazionale proclamato unitariamente dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Faisa-Cisal, a causa del mancato rinnovo del contratto.

Lo sciopero dei trasporti, oltre ai normali disagi soprattutto per i pendolari, ha innescato tensioni alla stazione Duomo della metropolitana di Milano. Pochi minuti prima che iniziasse lo sciopero, infatti, il personale dell'Atm ha chiuso i cancelli dei corridoi che collegano la linea 1 alla linea 3. Molti pendolari che dovevano appunto prendere la linea 3 hanno forzato i cancelli per riuscire così a salire sull'ultimo treno. Non sono, ovviamente, mancati urla e insulti al personale dell'Atm. Poco prima dell'inizio dello sciopero, tra l'altro, sulla linea 1 si è verificato un guasto nei pressi della stazione Gambara che ha costretto l'Atm ad istituire corse alternative con degli autobus.

"E' un contratto che non si rinnova dal 2007, inevitabile fare pressioni" ha detto Susanna Camusso, leader della Cgil, commentando l'azione di protesta. "Il Governo ha alzato le accise per sostenere il trasporto pubblico ma quei soldi non si sono mai visti ed è peggiorato il servizio" ha aggiunto Camusso. Ma le prime proteste sono partite dalle 21 di ieri sera e per 24 ore: a incrociare le braccia sono gli addetti ai servizi ferroviari di pulizie, accompagnamento notte e ristorazione a bordo treno.

Lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale fa seguito alla protesta di 4 ore dello scorso 20 luglio. Si svolge secondo diverse modalità città per città e nel rispetto della garanzia dei servizi minimi e delle fasce orarie. Filt, Fit, Uilt, Uglt e Faisa, confermando il nuovo stop annunciato a fine luglio, tornano a chiedere la chiusura del contratto: "Chiuderlo in tempo comporterebbe il consolidamento del processo verso il nuovo Ccnl della Mobilità, elemento fondamentale di stabilità per il risanamento ed il rilancio del settore. Per la leader Cgil "bisogna tagliare società ed accorparle realizzando un sistema integrato del trasporto pubblico anche sul fronte tariffario". "Solo così - ha aggiunto - si tagliano spese, tanti consigli di amministrazione, che non servono e costano". Anche alla base dello sciopero degli appalti nelle ferrovie c'é il contratto. E' "inaccettabile", dicono Filt, Fit, Uilt, Uglt e Fast ferrovie, "la posizione assunta dalle associazioni di impresa e dalle aziende che operano nel settore di non sottoscrivere ed applicare il Ccnl Mobilità per le attività ferroviarie". I sindacati evidenziano inoltre le "numerose criticità" presenti nel settore degli appalti ferroviari, come "la situazione occupazionale, il ricorso costante agli ammortizzatori sociali, il progressivo ridursi delle attività, dei servizi e conseguentemente dei posti di lavoro oltre alle mancate, ritardate o parziali erogazioni delle retribuzioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi