laziogate

Renata Polverini
si è dimessa

La governatrice Renata Polverini ha comunicato la volontà di dimettersi agli assessori della giunta regionale.

Renata Polverini
si è dimessa

Renata Polverini

La governatrice Renata Polverini ha comunicato la volontà di dimettersi agli assessori della giunta regionale.

"Comunico ciò che ho detto ieri a Napolitano e poi a Monti le mie dimissioni irrevocabili da presidente della Regione Lazio". Così Renata Polverini iniziando la conferenza stampa al Residence Ripetta sulla crisi alla Regione Lazio.

"Con il blocco della mia azione riformatrice ci saranno gravi ripercussioni sul paese: abbiamo fatto 5 miliardi di tagli perché lo volevamo e perché abbiamo avuto come effetto il dimezzamento del disavanzo sanitario portandolo a 700 milioni", lo ha detto Renata Polverini durantE una conferenza stampa.

"Ho interrotto il cammino di un consiglio non più degno di rappresentare il Lazio: questi signori li mando a casa io". Così Renata POlverini "Arriviamo qui puliti: mai avrei immaginato che con quelle ingenti risorse tutti, nessuno escluso, facessero spese sconsiderate ed esose", ha detto

"Io continuerò a fare politica, con questi non ho nulla a che fare", ha detto Renata POlverini  "Stessero sereni questi signori perché domani potranno fare politica se si ricordano come si fa", ha aggiunto.

"Da domani ciò che ho visto lo dirò. Le ostriche viaggiavano comodamente già nella giunta di me, quindi io non ci sto, non ci sto alle similitudini e nessuno si permetta di dire una parola su me e i miei collaboratori" "Io dico basta: non lo merita la mia storia, la mia famiglia che è stata infangata né chi sta con me. Da pochi minuti sono tornata libera: per due anni e mezzo in questo sistema sono stata come in una gabbia, cercavo di uscire ma mi avviluppava sempre di più",

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto