Otto candelotti

Tensione all'Alcoa
per un falso ordigno

Quello ritrovato questa mattina ai piedi di un traliccio vicino allo stabilimento Alcoa di Portovesme è un falso ordigno. All'interno, come hanno stabilito gli artificieri, c'è solo mastice. I fili elettrici che escono dai candelotti arrivano ad una scatola con una batteria ma che non è un detonatore.

Tensione all'Alcoa
per un falso ordigno
Quello ritrovato questa mattina ai piedi di un traliccio vicino allo stabilimento Alcoa di Portovesme è un falso ordigno. All'interno, come hanno stabilito gli artificieri, c'è solo mastice. I fili elettrici che escono dai candelotti arrivano ad una scatola con una batteria ma che non è un detonatore. "E' comunque un brutto segnale" dicono gli investigatori. L'ordigno, spiegano gli investigatori, era confezionato bene e ad una prima ispezione poteva sembrare vero. Le immediate analisi sul materiale inserito all'interno dei candelotti hanno rivelato si tratta di mastice e non di gelatina, come temuto in un primo momento dagli artificieri. La presenza di fili che collegavano i candelotti e finivano in una scatola ha poi fatto temere la presenza di un innesco che invece si è rivelato finto. I candelotti di finta dinamite sono stati rimossi e portati a Cagliari per ulteriori controlli e verifiche. Gli artificieri della Polizia, giunti da Cagliari, hanno comunque messo in sicurezza l'area facendo saltare la scatola collegata con fili elettrici ai candelotti. E la tensione scuote la vertenza Alcoa quando mancano solo due giorni al vertice al ministero dello Sviluppo economico da cui dipendono le sorti dello stabilimento di Portovesme, cuore della produzione di alluminio primario in Italia. Il ritrovamento degli otto candelotti, sistemati quattro a quattro ai lati di un traliccio dell'alta tensione davanti all'ingresso della fabbrica, hanno scosso operai e sindacati, già provati per la piega estrema imboccata dalla protesta: solo ieri, dopo quattro giorni di lotta a 70 metri di altezza, tre lavoratori sono scesi da un silos dell'acqua. Ore di trattativa con i delegati della Rsu per convincere i tre, uno dei quali con problemi cardiaci, a desistere. Ma con gli ordigni loro non hanno e non vogliono avere niente a che fare. "Questo modo di agire non appartiene alla storia e alla cultura dei lavoratori dell'Alcoa", spiega il segretario provinciale della Fim-Cisl del Sulcis, Rino Barca. Per questo, in vista della trasferta di lunedì a Roma con almeno 500 operai che presiederanno il Mise, Barca annuncia che verrà "rinforzato il servizio d'ordine predisposto dal sindacato per scongiurare infiltrazioni estranee alla lotta sindacale". E' presto per dire chi c'è dietro l'ordigno. "Vogliono far salire la tensione sino allo spasmo - dicono i lavoratori - ma noi non cadremo in questa trappola. La nostra è una battaglia dura, lo dimostrano le proteste a 70 metri dal suolo, ma ci battiamo per costruire, per mantenere un lavoro, non per distruggere con le bombe". La vertenza sta arrivando alla stretta finale. Si tratta su due binari paralleli per cercare un nuovo acquirente in grado di rilevare lo stabilimento di cui Alcoa vuole disfarsi. Governo e Regione puntano ad aprire il negoziato con Glencore, già presente nel polo industriale di Portovesme; la multinazionale americana, invece, sta mantenendo contatti con Klesch. Lunedì si saprà se le manifestazioni di interesse sfoceranno in qualcosa di concreto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi