Nella cripta

Emanuela Orlandi
un nuovo mistero

Tracce di terra di provenienza ancora tutta da decifrare. Il mistero che circonda la scomparsa di Emanuela Orlandi vive di un nuovo, imprevisto, capitolo.

Emanuela Orlandi
un nuovo mistero

Tracce di terra di  provenienza ancora tutta da decifrare. Il mistero che circonda la scomparsa di Emanuela Orlandi vive di un nuovo, imprevisto, capitolo. Residui di terriccio sono stati, infatti, individuati all'interno della cripta di Sant'Apollinare, la basilica che ospitava fino a qualche settimana fa la tomba di Enrico De Pedis, il boss della Banda della Magliana che secondo gli inquirenti avrebbe svolto un ruolo nella scomparsa della ragazza avvenuta il 23 giugno del 1983. Ora i nuovi reperti individuati dagli specialisti che da settimane sono al lavoro su quanto rinvenuto nella cripta saranno analizzati per capire, in primo luogo, se possano nascondere elementi utili alle indagini. Le verifiche nella cripta dovrebbero, comunque, protrarsi ancora per qualche giorno, almeno fino al 12 settembre, e prevedono anche nuovi scavi nella sottocripta. In base a quanto filtra a piazzale Clodio, la conclusione dell'inchiesta arriverà non prima della fine dell'anno.

Nel frattempo chi indaga attende di conoscere gli esiti delle analisi sulle ossa trovate nella cripta. I lavoro è stato affidato agli specialisti del Labanof, il laboratorio milanese di antropologia e odontologia forense fondato dalla professoressa Cristina Cattaneo. Ad oggi, secondo quanto si apprende a piazzale Clodio, sarebbero state analizzate circa la metà delle ossa trovate e alcune sarebbero state inviate negli Stati Uniti per ulteriori approfondimenti. Non si tratta, come ha spiegato nei giorni scorsi il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, di ossa più recenti, "perché lo stato di conservazione è diverso da osso a osso" e non sempre é risultato definibile una datazione approssimativa da un semplice esame superficiale. La scelta dei reperti da inviare negli Usa non è stata fatta, quindi, in base a questo criterio, ma "sulla base delle caratteristiche delle ossa, selezionando, per esempio, quelle appartenenti a soggetti giovani di sesso femminile". Gli accertamenti sulle ossa sono finalizzati a verificare se tra i reperti trovati nell'ossario della cripta possano esserci i resti di Emanuela.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto