Morbo di Parkinson

Il cardinale Martini
in gravi condizioni

Il cardinale dalla meta' di agosto, "non è più stato in grado di deglutire ne' cibi solidi ne' liquidi. Ma e' rimasto lucido fino all'ultimo e ha rifiutato ogni forma di accanimento terapeutico".

Il cardinale Martini
in gravi condizioni

Benedetto XVI è informato costantemente sulle condizioni del cardinale Carlo Maria Martini che, come confermato dal neurologo Gianni Pezzoli che ha in cura da anni l'arcivescovo emerito di Milano, "e' entrato nella fase terminale". Il cardinale dalla meta' di agosto, "non e' piu' stato in grado di deglutire ne' cibi solidi ne' liquidi. Ma e' rimasto lucido fino all'ultimo e ha rifiutato ogni forma di accanimento terapeutico". In sostanza, seguendo anche l'esempio di Giovanni Paolo II che e' stato ucciso dalla stessa malattia, il morbo di Parkinson, il porporato gesuita ha concordato con il suo medico curante di non essere sottoposto all'intervento per posizionare la cosiddetta Peg, cioe' il tubicino che il chirurgo inserisce direttamente nello stomaco e consentirebbe di alimentarsi direttamente bypassando l'esofago. Tale pratica e' stata ritenuta come gia' per Giovanni Paolo II, sproporzionata. Nel caso specifico risulterebbe non utile anche il sondino naso-gastrico. La dottrina ufficiale della Chiesa, come e' presentata nel Catechismo della Chiesa Cattolica e in una istruzione specifica della Congregazione della Dottrina della Fede, chiarisce che le cure debbono essere proporzionate alla situazione del malatoterminale e che stabilire il confine con l'accanimento terapeutico e' responsabilita' specifica del medico curante in dialogo con il paziente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi