Tecnologia che avanza

Lampadine a incandescenza
addio dal primo settembre

Addio alla vecchia lampadina a forma di pera,che da 130 anni ha illuminato le case in Italia e nel resto d’Europa. Dal primo settembre scatta infatti il divieto di vendita delle ultime in circolazione,quelle di potenza compresa tra i 25 e i 40 watt.

Lampadine a incandescenza
addio dal primo settembre

Le altre
erano state gradualmente eliminate dal 2009, in
base alla normativa europea.
Inventata nel 1878 da Thomas Alva Edison, invenzione
contestatagli dal tedesco Heinrich Goebel
che, emigrato a New York, avrebbe realizzato la
prima lampadina a incandescenza 25 anni prima,
nel 1854 (è un fatto che Edison ne acquistò i diritti
di inventore dalla vedova), la vecchia lampadina che
Edi, l’aiutante di Archimede Pitagorico nei fumetti
Walt Disney, sfoggia al posto della testa è ormai stata
soppiantata da una nuova generazione di luci a
basso consumo energetico.
Già, perchè le lampadine tradizionali a incandescenza
trasformano in luce soltanto il 5-10% circa
dell’energia che consumano, mentre il resto va a
produrre calore: il loro consumo è quindi molto più
alto di quello di prodotti più recenti, come le lampadine
fluorescenti compatte e le alogene a basso
consumo di energia, o di tecnologie emergenti, come
i diodi a emissione luminosa (Led).
Le lampadine fluorescenti, attualmente il sistema
di illuminazione più efficiente disponibile sul mercato
europeo, usano il 65-80% di energia in meno rispetto
a quelle a incandescenza. Le lampadine fluorescenti
costano di più al momento dell’acquisto,
ma risultano più economiche nel tempo perchè
consumano meno e durano più a lungo, ha più volte
sottolineato la Commissione europea.
Anzi, secondo le stime dell’Unione Europea, ogni
famiglia può risparmiare almeno 50 euro all’anno
sulla bolletta passando a questo tipo di illuminazione
Le altreerano state gradualmente eliminate dal 2009, inbase alla normativa europea.Inventata nel 1878 da Thomas Alva Edison, invenzionecontestatagli dal tedesco Heinrich Goebelche, emigrato a New York, avrebbe realizzato laprima lampadina a incandescenza 25 anni prima,nel 1854 (è un fatto che Edison ne acquistò i dirittidi inventore dalla vedova), la vecchia lampadina cheEdi, l’aiutante di Archimede Pitagorico nei fumettiWalt Disney, sfoggia al posto della testa è ormai statasoppiantata da una nuova generazione di luci abasso consumo energetico.Già, perchè le lampadine tradizionali a incandescenzatrasformano in luce soltanto il 5-10% circadell’energia che consumano, mentre il resto va aprodurre calore: il loro consumo è quindi molto piùalto di quello di prodotti più recenti, come le lampadinefluorescenti compatte e le alogene a bassoconsumo di energia, o di tecnologie emergenti, comei diodi a emissione luminosa (Led).Le lampadine fluorescenti, attualmente il sistemadi illuminazione più efficiente disponibile sul mercatoeuropeo, usano il 65-80% di energia in meno rispettoa quelle a incandescenza. Le lampadine fluorescenticostano di più al momento dell’acquisto,ma risultano più economiche nel tempo perchèconsumano meno e durano più a lungo, ha più voltesottolineato la Commissione europea.Anzi, secondo le stime dell’Unione Europea, ognifamiglia può risparmiare almeno 50 euro all’annosulla bolletta passando a questo tipo di illuminazione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto