Amichevole

Inter batte Juve ai
rigori dopo 1-1

A Miami finisce 9 a 8, errori di Isla e Buffon

Inter batte Juve ai 
rigori dopo 1-1

 L’Inter batte la Juventus ai rigori, (10 a 9) errore decisivo di Isla, nell’ultima partita della International Champions Cup a Miami, finita 1 a 1 al 90/o. Una partita che mostra in modo netto gli attuali limiti delle due squadre a venti giorni dall’inizio del campionato. I gol tutti nel primo tempo: Ricky Alvarez al 27/o su incertezza grave di Buffon, pareggio al 45/o, Vidal, su rigore 'generoso' concesso dal signor Grajeda per una trattenuta di Jesus su Vucinic. Malgrado sia un’amichevole, Inter e Juventus ci tengono a fare buona figura in questo inedito derby d’Italia negli Usa: Mazzarri e Conte, al Sun Life Stadium, la casa dei Miami Dolphins, evitano gli esperimenti schierando formazioni praticamente titolari. I campioni d’Italia scendono in campo con Buffon, Caceres, Bonucci e Chiellini dietro, Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio e Asamoah in mezzo al campo. Davanti la coppia Vucinic Tevez. Mazzarri risponde con Handanovic, Campagnaro, Ranoccia, Juan Jesus in difesa, Ricky Alvarez, Cambiasso, Kuzmanovic e Pereira a centrocampo, Guarin e Palacio in attacco. Prima mezz’ora bruttina, con due squadre modeste, fallose, con tanti passaggi sbagliati. Una leggera predominanza a centrocampo della Juve peraltro sterile e un Inter che mostra ancora una volta difficolta’ a uscire dalla sua area palla al piede. Nel 27/o i nerazzurri passano in vantaggio. Buon contropiede di Palacio, che passa dietro a Juan che da fuori area tira forte e rasoterra, ma decisamente centrale. Incredibilmente Buffon non trattiene mettendo un pallone d’oro sui piedi di Ricky Alvarez che non puo’ sbagliare. Pochi minuti dopo a Juve ha l’occasione per l'1 a 1: Tevez lancia Lichtsteiner che spara alto su Handanovich in uscita. Nel 39/o contrasto dubbio di Pereira su Vidal, per l’arbitro tutto regolare. Nel 42/o sempre Ricky Alvarez, dribbla facile Bonucci, poi strozza troppo il sinistro e la palla esce sul fondo. Il minuto dopo, il pareggio: Vucinic riceve un pallone di spalle in area, si volta e cade su un contatto con Jesus. L'arbitro concede il penalty. Vidal batte Handanovic che si tuffa sul lato giusto ma non ci arriva. Nella seconda frazione non succede praticamente quasi nulla: la partita, gia’ noiosa, diventa decisamente scadente. Complice i 31 gradi di Miami e le tantissime sostituzioni, il ritmo cala vertiginosamente. Continuano gli errori, anche banali, di palleggio e le due squadre non riescono mai a creare qualche azione degna di questo nome. Squadre lunghe, lanci sconclusionati e qualche fallo di troppo. Al 14/o per la Juve entra Storari, Isla, De Ceglie. Piu’ avanti fuori Tevez e Vucinic per Giovinco e Llorente. Per l’Inter, Carrizo per Handanovic, Belfodil per Kuzmanovic. Al 76/o una fiammata di classe: punizione dal limite di Pirlo che supera la barriera e si stampa sul palo. Nel 86/o Juve di nuovo vicino alla vittoria: cross basso in mezzo a una selva di gambe, ma Carrizo blocca in tuffo. Partita finisce pari e si va ai rigori. In apertura sbagliano Giovinco e Guarin. Poi sul 9 a 9 errore decisivo di Isla. Carrizo subito dopo insacca di potenza e da’ la vittoria ai nerazzurri. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi