ROMA

Morata, sono in debito con Conte

Mi ha voluto al Chelsea. Real? Non potevo restare a far panchina

Morata, sono in debito con Conte

ROMA, 16 SET - "Zidane voleva che restassi e io ero felice a Madrid. Ma non potevo rimanere per fare panchina. Arriva un momento in cui si ha bisogno di giocare, crescere e abbandonare una zona di sicurezza. Sono ambizioso e ho fame di risultati". Così in un' intervista al Daily Mail ripresa dai media spagnoli, Alvaro Morata racconta i motivi per i quali ha lasciato il Real per approdare al Chelsea. "Sì, ho avuto varie offerte quest'estate, non solo da Chelsea e Manchester United ma anche da altri campionati. La conversazione più importante l'ho avuta con Conte - aggiunge l'attaccante spagnolo -, voleva che venissi. In quel momento non sapevo che fossero interessati a me, pensavo che cercassero un tipo di attaccante diverso. Mi sento in debito con Conte - spiega Morata - mi aveva preso per la Juve che poi lasciò per andare ad allenare l'Italia. Ho sempre voluto giocare per lui. Sono stati due mesi intensi ma è stato come se lo conoscessi da sempre. Quando quest'estate ho saputo che mi voleva, non ci ho pensato due volte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi