ROMA

CR7, possibile esistenza reato penale

Lo sostiene il giudice spagnolo titolare dell'inchiesta

CR7, possibile esistenza reato penale

ROMA, 20 GIU - Il magistrato Monica Gomez Ferrer, titolare dell'inchiesta su presunti reati fiscali commessi in Spagna da Cristiano Ronaldo, ha definito "ammissibile" la denuncia dell'agenzia delle entrate contro il campione portoghese, chiamato a comparire il prossimo 31 luglio. Inoltre fa sapere che "i fatti esposti presentano caratteristiche che lasciano presumere la possibile esistenza di un'infrazione di carattere penale degli articoli 305 e 305 del Codice". Il giudice ha chiamato a comparire anche gli ispettori tributari che si sono occupati del caso in questione. Se il reato fosse effettivamente riconosciuto come penale al termine dell'iter, CR7 rischierebbe una pena detentiva pari a 4 mesi per ogni anno fiscale in cui la frode è avvenuta (2011, 2012, 2013 e 2014), in cui il Pallone d'oro avrebbe, secondo l'accusa, frodato il fisco di 1,4 milioni di euro nel 2011, 1,66 milioni nel 2012, 3,2 nel 2013 e 8,5 nel 2014.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Acciuffata la coppia killer

Acciuffata la coppia killer

di Vinicio Leonetti

Crolla una scala, muore 54enne

Crolla una scala, muore 54enne

di Emanuele Cammaroto