MILANO

Tommasi, sappiamo dirci cose in faccia

Ultimo mandato a guida Aic 'spero due candidati anche in 2020'

Tommasi, sappiamo dirci cose in faccia

MILANO, 9 MAG - "Responsabilità e partecipazione consapevole": sono le parole d'ordine del terzo e ultimo mandato di Damiano Tommasi, che è stato confermato alla guida dell'Assocalciatori al termine di una movimentata assemblea generale, in cui il portiere della Sampdoria Christian Puggioni si è fatto portavoce del malcontento di parte degli associati e alla fine è rimasto fuori dal consiglio direttivo per quella che ha definito "una forzatura politica" di Tommasi. "Noi calciatori abbiamo la capacità di stare in uno spogliatoio, di guardarci in faccia e dirci le cose apertamente - ha commentato il presidente dell'Aic -. C'erano varie posizioni, la lista del direttivo storicamente nasce dal coinvolgimento che parte dall'alto. Non potevo far recedere nessuno dei 25 che mi hanno sostenuto. L'anomalia è stata vedere dei candidati consiglieri che negli ultimi mesi non si erano mai fatti sentire. E la candidatura alternativa è arrivata solo in mattinata''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

di Francesco Celi - Leonardo Orlando