Messina

«Il “sistema” a Messina: 50-100 euro per ogni voto»

Amministrative, s’incendia la campagna. A innescare la miccia Pippo Trischitta: « denuncerò tutti se dovesse accadere anche questa volta»

 «Il “sistema” a Messina: 50-100 euro per ogni voto»

«Oggi mi hanno spiegato come funziona il sistema: prima di entrare al seggio ti offrono 50/100 euro per un voto. Tu entri, voti e fai la foto con il telefonino, poi esci, fai vedere la foto e ti danno i soldi. Solo che stavolta non ve lo permetterò». Pippo Trischitta, in questo inizio di campagna elettorale, si è ritagliato il ruolo di “incendiario”. E così, dopo aver più volte attaccato l’asse Germanà-Genovese di Forza Italia e il candidato sindaco scelto dal Centrodestra Dino Bramanti, ora accende la miccia preventivamente, anche se mancano due mesi alle Amministrative. «Denuncerò tutti – avverte il candidato di “Messina Splendida” – , a partire dai presidenti dei seggi che faranno entrare gli elettori in cabina con il telefonino». La posta in palio è alta e su queste elezioni ci sarà probabilmente un’attenzione mediatica ancora maggiore rispetto alle precedenti consultazioni comunali e provinciali.

Sono queste le giornate in cui si decidono le liste, strumento considerato essenziale per l’effetto trascinamento che può avere nei confronti degli aspiranti sindaci. C’è chi le ha già definite, come l’on. Nino Germanà che presenterà oggi, alle 17,30, nella sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele, la propria lista civica “Insieme X Messina-Germanà per Bramanti”. «Saremo presenti con le nostre liste sia per il Consiglio comunale che nei Quartieri con candidati che sono espressione di un radicamento nel territorio e di un forte impegno nel sociale – afferma Germanà –, da parlamentare voglio dare un contributo concreto all’amministrazione della città, sia attraverso candidati consapevoli del ruolo fondamentale del consigliere comunale e di circoscrizione che attraverso priorità che riteniamo indispensabili ad un programma di rilancio del territorio. Al professore Bramanti sottoporremo in particolare 3 punti prioritari da inserire nel programma, che esporrò dettagliatamente nel corso della presentazione della lista e che sono frutto di una condivisione da parte di un gruppo che non ha mai smesso di impegnarsi per la sua città. Siamo pronti per amministrare un Comune che in questi 5 anni è rimasto in balia dell’approssimazione e dell’improvvisazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi