PROCESSO MARLANE

Iniziata l'audizione
degli operai
sopravvissuti

A Paola è entrato nel vivo il processo Marlane, la fabbrica tessile di Praia a Mare ribattezzata la "fabbrica dei veleni". L'avv. Conte "la giustizia arriva sempre".

avvocato Lucio Conte

Davanti ai giudici nel tribunale di Paola sono iniziate le deposizioni degli operai dello stabilimento Marlane di Praia a Mare. Il processo a carico di 13 imputati, tra cui i vertici della Marzotto, alcuni dirigenti e capireparti è entrato nella sua fase dibattimentale. Dopo rinvii legati a vizi di notifiche e cavilli d'ogni genere, il procedimento giudiziario sembra procedere  spedito, almeno questa l’intenzione a vedere la calendarizzazione delle udienze a cadenza quindicinale da qui alla fine dell'anno. I “sopravvissuti” ai veleni della fabbrica che tante speranze aveva acceso sul tirreno cosentino stanno ricostruendo  l'inferno vissuto. Parlano di un unico ambiente, quello adibito alla coloreria, non areato, di sostanze nocive finite nei polmoni perché l'unica forma di difesa era mezzo litro di latte bevuto a fine turno. Decine gli operai già morti, centinaia quelli che combattono contro le neoplasie. Gli imputati sono accusati di omicidio colposo e disastro ambientale. Per l'avvocato Lucio Conte, legale delle parti offese “la giustizia, anche se tardi, arriva sempre”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi