MESSINA

Arriva la tassa di soggiorno comunale

Palazzo Zanca a caccia di nuovi introiti. Dovrà essere pagata da chi soggiorno nella strutture ricettive cittadine. Importo ancora da determinare

Arriva la tassa di soggiorno comunale

 

Illustrati stamani, a Palazzo Zanca, dal sindaco Giuseppe Buzzanca e dall’assessore alle politiche finanziarie Orazio Miloro, i contenuti del “regolamento per l'introduzione dell’imposta di soggiorno nel Comune di Messina”. Dovrà essere pagata da chi pernotta nelle strutture ricettive cittadine fino ad un massimo di 4 giorni. Le stesse strutture avranno l’obbligo, già esistente con la Polizia di Stato, di aggiornare quotidianamente gli elenchi degli ospiti, anche per via telematica. Il regolamento diventerà vincolante dopo che la giunta avrà determinato l’importo della tassa (che per legge non può superare i cinque euro) e l’approvazione del civico consesso. Nelle casse comunali, ogni anno, potrebbero entrare circa 200mila euro, da destinare esclusivamente al finanziamento di interventi in materia di turismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400