Australia

Fu un dingo e non la mamma ad uccidere Azaria

Fu un dingo, il cane nativo dell'Australia, e non la madre Lindy Chamberlain a uccidere la piccola Azaria di 9 settimane nei pressi di Uluru, la montagna sacra degli aborigeni nel centro del continente, la notte del 17 agosto 1980.

Fu un dingo e non la mamma ad uccidere Azaria

Lindy Chamberlain e il marito Rick

Fu un dingo, il cane nativo dell'Australia, e non la madre Lindy Chamberlain a uccidere la piccola Azaria di 9 settimane nei pressi di Uluru, la montagna sacra degli aborigeni nel centro del continente, la notte del 17 agosto 1980.

L'ultima parola sulla vicenda che ha diviso l'Australia fra innocentisti e colpevolisti, narrata anche nel film 'Un grido nella notte' di Fred Schepisi del 1988 con Meryl Streep nel ruolo della madre, è arrivata dal verdetto della quarta inchiesta sulla scomparsa della piccola, oggi a Darwin.

Lindy Chamberlain fu originariamente condannata per omicidio ma rilasciata dopo tre anni e il suo primo marito Michael fu condannato per favoreggiamento con sentenza sospesa. Dopo che la giacchetta di Azaria era stata ritrovata nel deserto nel 1986, il caso fu riaperto e una commissione d'inchiesta nel 1987 esonerò entrambi i genitori. Durante quest'ultima inchiesta del coroner, il magistrato che accerta le cause di morte, è stato testimoniato che diversi bambini sono stati attaccati da dingo negli ultimi anni. Ora il certificato di morte della piccola Azaria potrà essere corretto, come chiedevano i genitori, indicando la causa del decesso come "sconosciuta'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi