Ospedale Annunziata

Potenziata la diagnostica:
un angiografo e una RMC

Inaugurata la seconda risonanza magnetica e il nuovo angiografo. Alla cerimonia presente il governatore Scopelliti che ha puntato l'indice contro il governo per i ritardi sul commissariamento.

Risonanza magnetica

La nuova RMC dell'Annunziata

Potenziata la diagnostica all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza. Stamani alla presenza del governatore Scopelliti e degli assessori regionali Mancini e Gentile, sono stati inaugurati il nuovo angiografo e una seconda risonanza magnetica di ultimissima generazione, costo complessivo 2,5 milioni di euro,  installati nell’Unità Operativa di Radiologia. Le due  apparecchiature aumenteranno la qualità delle prestazioni e consentiranno l’abbattimento delle liste d’attesa. Durante la cerimonia è stata intitolata la sala angiografica alla memoria del dott. Samuele Guido, già direttore della radiologia all’Annunziata, scomparso lo scorso gennaio. Il direttore generale Paolo Gangemi ha colto l’occasione per illustrare i passi in avanti, nonostante le difficoltà, che si stanno realizzando nell’azienda: a breve saranno rinnovati i contratti dei precari ed è stato già pubblicato il bando per il reclutamento di due ortopedici, uno dei reparti più in difficoltà per la carenza di organico. Il governatore Scopelliti, dopo aver sottolineato i risultati raggiunti in questi due anni, ha puntato l’indice contro i ritardi del governo: “non abbiamo la proroga per il commissariamento e non siamo neanche tornati all’ordinario. In questa situazione non possiamo operare, non possiamo assumere decisioni importanti”. Uno stallo che sta frenando, insieme alla mancata erogazione dei fondi ex legge 20, la costruzione dei nuovi ospedali.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi